CEFEL – BANDO PER LA NASCITA DI UNA START-UP NEL SETTORE DEI BENI CULTURALI

Il Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi, partner del Progetto CEFEL, lancia una call per la nascita di una start-up nel settore dei beni culturali. Possono partecipare alla selezione gruppi informali di aspiranti imprenditori, composti da massimo 5 giovani (minimo 18/massimo 35 anni) nati e residenti in Sicilia o Tunisia, portatori di un’idea imprenditoriale innovativa per la promozione e valorizzazione del patrimonio archeologico e culturale. Ai vincitori un percorso di formazione, supporto legale e strategico per la creazione d’impresa e un contributo economico per la costituzione della startup. 

Tutte le informazioni al link https://www.parcovalledeitempli.it/bandi/

C’è tempo fino alla mezzanotte del 13 dicembre per presentare la propria candidatura. 

Il progetto CEFEL, cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma ENI di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Tunisia 2014-2020, promuove la cooperazione fra Sicilia e Tunisia nel campo dei beni culturali favorendo la creazione di programmi congiunti di formazione e lo sviluppo di un’offerta di lavoro specializzato spendibile in entrambi i territori.

Promosso e coordinato da Empedocle Consorzio Universitario di Agrigento, sono partner di CEFEL il Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento, il Polo territoriale Universitario della Provincia di Agrigento-Università di Palermo, l’Institut National du Patrimoine de Tunisie, l’Agence de Mise en Valeur du Patrimoine et de Promotion Culturelle de Tunisie e l’Institut Supérieur des Métiers du Patrimoine de Tunisie.

Per aggiornamenti, consultare gli account social Facebook, Instagram, LinkedIn e YouTube.

Progetto cofinanziato dall’Unione Europea Il presente documento è stato realizzato grazie all’aiuto finanziario dell’Unione europea nell’ambito del Programma ENI CT Italia – Tunisia 2014- 2020. Il contenuto del presente documento è di esclusiva responsabilità del progetto CEFEL – Archeologia Pubblica e non può in nessun caso essere considerato come riflesso della posizione dell’Unione europea o della posizione delle strutture di gestione del Programma